Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Da un po’ di tempo stai meditando se riscattare o no la tua laurea per avere vantaggi al momento del pensionamento. Incuriosito, hai cercato su Google tutto ciò che riguarda l’argomento ma non hai trovato la risposta semplice e chiara che

 

cercavi, anzi sei ancora più in confusione. Tranquillo, se sei capitato qui troverai le risposte ai tuoi dubbi. Con l’articolo di oggi ti spiegherò come funziona il riscatto della laurea.

Come? Non sai nulla di pensioni né di contributi? La  burocrazia ti fa venire il mal di testa? Tranquillo, cercherò di far luce su ciò che ti interessa nel modo più semplice e chiaro possibile. Prenditi un po’ di tempo e leggi la piccola guida che ho preparato. Apprenderai cosa si intende per “riscatto di laurea”, chi può farne richiesta, quanto costa e quali sono i vantaggi.

Cosa è il riscatto di laurea.

Se ti interessa conoscere cosa è il riscatto di laurea, devi sapere che si tratta di una richiesta che ti dà la possibilità di avere conteggiati, ai fini contributivi, i tuoi anni di studio. Cosa vuol dire praticamente? La riforma sulle pensioni del 2012, la c.d. legge Fornero, ha esteso il regime contributivo a tutti i lavoratori. Cioè ognuno di noi contribuisce, con una quota variabile del proprio reddito, a formare quel capitale che in futuro serivirà a calcolare il nostro assegno pensionistico. Facendo il riscatto di laurea, semplicemente rientrano nella somma dei contributi versati anche gli anni di studio. Ciò comporta evidentemente dei vantaggi che vedremo tra un po’. Prima devo dirti chi può fare richiesta di riscatto.

 

Ebbene, la domanda per il riscatto degli anni di studio può essere presentata da chiunque sia in possesso del titolo Universitario e in qualunque momento della propria carriera lavorativa, persino nel periodo intercorrente il conseguimento del titolo ed il primo  impiego.

Si possono riscattare solo le lauree o anche altri titoli di studio?

Ovviamente sono soggette a riscatto anche le lauree brevi e specialistiche, i diplomi universitari, i diplomi di specializzazione, i dottorati di ricerca successivi alla laurea di durata non inferiore a 2 anni. E le lauree conseguite all'estero?Anche queste  si possono  riscattare, ma solo se riconosciute da una università italiana.

Come viene calcolato il costo del riscatto di laurea per chi è già iscritto alla previdenza obbligatoria?

Se sei già un lavoratore-contribuente, per calcolare il costo del riscatto devi tenere presente due considerazioni.

Se la laurea è stata conseguita prima del primo gennaio 1996 :  il costo si determina con il criterio della riserva matematica che tiene conto dell'età, del sesso e della retribuzione al momento della domanda. Per eseguirlo bisogna individuare il coefficiente consultando le tabelle ministeriali e il calcolo non risulta affatto semplice. Se ti interessa approfondire l’argomento puoi consultare il sito INPS.

Se la laurea è stata conseguita dal primo gennaio 1996:  il costo verrà calcolato con le norme vigenti. Si prende in pratica il reddito di lavoro percepito negli ultimi 12 mesi e si moltiplica per l'aliquota contributiva del settore di attività. Il risultato va moltiplicato a sua volta per gli anni da riscattare, dando il costo complessivo del riscatto.

Ad esempio, Giulio è un dipendente che versa il 33% del suo reddito al sistema contributivo e il suo reddito è di 25.000 € l’anno. Egli vuole riscattare l’intero corso di studi, 5 anni. Per calcolare il costo di laurea occorre risolvere la seguente operazione:

Costo di laurea= Reddito * aliquota * anni di corso= 25.000 * 33% * 5= 41.250 €

Per quanto il sistema contributivo ha reso più semplice calcolare i costi, e di questo bisogna darne atto, risulta evidente che riscattare la laurea risulta  non certo economico. Per alleggerire la spesa è possibile rateizzare senza interessi l’intero costo in massimo 120 rate nonché di poter detrarre il riscatto dal proprio reddito.

Si deve obbligatoriamente riscattare tutto il periodo di studi?

No, il riscatto può riguardare anche solo una parte del corso legale di studi. Per eseguire il calcolo occorre sostituire all’operazione precedente, il numero di anni con quelli che si vuole riscattare.

 

Dove confluiscono le somme versate per il riscatto?

Le somme di riscatto vengono collocate temporaneamente in un apposito fondo, per poi essere trasferite, maggiorate di una  rivalutazione su base annuale, alla gestione pensionistica alla quale i giovani si iscriveranno all'inizio della loro attività.

 

Bene, ti ho chiarito come si calcola il riscatto di laurea. Hai fatto per bene tutti i tuoi conti e hai deciso che tutto sommato ne vale la pena. Aspetta, non essere affrettato, non ti ho ancora detto quali sono i vantaggi di riscattare il tuo prezioso titolo di studio.

Come ti dicevo, gli anni di riscatto servono a raggiungere prima i requisiti di pensionamento. Quindi, ti consentono di andare in pensione qualche anno prima rispetto al periodo stabilito dallo Stato.

Evidentemente andare prima in pensione può far gola a tutti. Ma conviene spendere tanti soldi per andare prima in pensione? La risposta è soggettiva. Ovviamente, per i neo laureati riscattare subito può  convenire, in quanto  il calcolo del riscatto tiene conto del reddito e più questo è basso meno risulta costoso riscattare la laurea. Ma se consideriamo che l’enorme capitale impiegato per il riscatto corrisponderà ad una piccolissima integrazione al reddito da pensione, forse conviene considerare anche altre strade.

Una strada sicuramente valida è quella di rivolgersi subito al proprio consulente di fiducia o, se non ne hai uno, puoi chiamare anche me, e chiedere una pianificazione finanziaria. Puoi anche usare il calcolatore presente sul sito.

Perché fare una pianificazione? Presto detto: mettere da parte mensilmente quello che dovresti destinare al riscatto di laurea, ti consente di superare di molto la pensione risultante dal solo costo di riscatto.

Inoltre, mentre in caso di riscatto ti entreranno al momento del pensionamento poche centinaia di euro in più, in caso di pianificazione potresti avere in tua disponibilità un enorme capitale in un’unica soluzione da poter impiegare come meglio credi.  Credimi, non sottovalutare questo aspetto.

Ora che hai trovato degli spunti di riflessione, sei ancora convinto di richiedere il riscatto di Laurea?